Archivio mensile:dicembre 2017

NATALE E SANTO STEFANO: ecco la previsione

È davvero curioso vedere come in questo mese di Dicembre le tre irruzioni artiche siano avvenute tutte nei weekend.
L’ipotesi che anche nel quarto weekend (23-24 Dicembre) si possa avere l’ennesima irruzione polare era affascinante, ma la visione del modello americano Gfs è stata sopraffatta da quella più performante del modello del centro europeo Ecmwf.

SITUAZIONE – I due giorni prìncipi del mese di Dicembre ossia Natale e Santo Stefano, saranno caratterizzati dalla presenza dell’alta pressione, che inizierà però a subire un cedimento.

25 DICEMBRE – Anticiclone sull’Italia, ma correnti più umide di Libeccio interessano il mar Ligure e l’alto Tirreno. Più nubi saranno presenti su tutto il Nord e le regioni centrali tirreniche e in Umbria, ma con scarse precipitazioni, se non deboli e sparse.
Sul resto delle regioni il tempo sarà buono con cielo poco o parzialmente nuvoloso.
Possibili nebbie, localmente diffuse sulla Pianura padana lombarda, veneta ed emiliana.

26 DICEMBRE – Tempo pressoché invariato con cielo spesso coperto al Nord e regioni adriatiche, e con locali deboli precipitazioni.
Più soleggiato sulle Isole maggiori e al Sud.

TEMPERATURE – Valori in aumento su tutte le regioni e leggermente sopra la media del periodo.

TEMPERATURE ~ brusco calo termico, meno freddo da Venerdì 22

In questi giorni immediatamente successivi la metà di Dicembre, venti freddi settentrionali hanno fatto irruzione verso il bacino Mediterraneo, causando un brusco calo termico.

SITUAZIONE – I venti più freddi settentrionali hanno fatto calare le temperature già dalla giornata di Domenica 17 Dicembre; nella settimana di Natale i valori massimi non supereranno i 4/6° al Nord, i 9/10° al Centro e i 12° al Sud.
Valori notturni inferiori allo zero sulle regioni settentrionali e su alcuni settori di quelle centrali tirreniche, ad eccezione dei settori costieri liguri.

DAL 22 TEMPERATURE IN AUMENTO– Il freddo durerà almeno fino al 21 Dicembre, poi attendiamo un nuovo robusto incremento che riporterà temperature nella media del periodo, o anche sopra di essa.